La «Rassegna di Pedagogia e di Politica Scolastica» (1912-1913), come rivista di formazione alla cultura pedagogica

Stampa una copiaStampa una copiaManda via emailManda via emailVersione EPUBVersione EPUB
  • Giuseppe Lombardo Radice
    Giuseppe Lombardo Radice
TitoloLa «Rassegna di Pedagogia e di Politica Scolastica» (1912-1913), come rivista di formazione alla cultura pedagogica
Tipo di pubblicazioneJournal Article
Anno di pubblicazione2011
Autore/iPillera G
RivistaI Problemi della Pedagogia
VolumeII
Issue4-6
Pagina di inizio257
Paginatura24
Data pubblicazione12/2011
ISSN978-88-7346-695-6
Parole chiaveattualismo, idealismo, Italia, Lombardo-Radice, pedagogia, riviste, Sandron, scuola
Abstract

Il contributo vuole tracciare una prima disamina della rivista “Rassegna di Pedagogia e di Politica Scolastica”, continuazione dei “Nuovi Doveri”, edita da Sandron a Palermo nel 1912-1913 e diretta da Giuseppe Lombardo Radice. In evidenza emergono le linee prospettiche che hanno ispirato il gruppo di idealisti siciliani vicini a Lombardo Radice, proprio nel vivo della loro battaglia per un rinnovamento del sistema scolastico nazionale e per la promozione socio-culturale del Sud Italia.

This article aims to provide a close observation on the review “Rassegna di Pedagogia e di Politica Scolastica” (1912-1913), edited by Giuseppe Lombardo-Radice and published by Sandron in Palermo, as a continuation of “Nuovi Doveri”. This work points out the perspectives inspiring the sicilian idealists who followed Lombardo Radice's ideas: and this concerning their fight for a renovation of italian educational system and for a social and cultural development of the South of the country.

Refereed DesignationNon-Refereed
Testo completo

Indice

1. La rivista, il direttore, l'editore

2. Rivista di maestri per maestri: continuità e discontinuità, rapporto con la FISM

3. Approcci e apporti teorici, filosofici e storiografici

4. Riforma scolastica, reclutamento e formazione degli insegnanti.

5. Meridionalismo, educazione popolare, iniziativa privata, movimento femminile

6. Conclusioni